piattaforme telematiche

Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione: qual è la situazione in Italia?

Negli ultimi anni il mondo dell’e-Procurement ha fatto registrare grandi e importanti mutamenti che hanno influito positivamente anche nel settore della Pubblica Amministrazione.

Tuttavia, la strada da percorrere è ancora lunga, così come gli ostacoli da superare in materia di digitalizzazione.

I dati presentati dall’Osservatorio e-Government del Politecnico di Milano, durante l’ultima edizione di ForumPA, hanno messo in luce lo stato attuale delle Pubbliche Amministrazioni italiane, evidenziando uno scenario in cui il processo di innovazione è già stato avviato, ma non ancora completato del tutto.

e-Procurement Italia 

Sebbene, infatti, circa il 50% degli acquisti sia effettuato tramite piattaforme di e-Procurement, per la maggior parte dei Comuni italiani c’è ancora molto da fare, così come dimostrano i dati dell’indagine:

  • solo l’11% degli Enti locali si avvale di un ufficio centrale per la gestione degli acquisti;
  • il 67% dei Comuni non svolge attività di analisi dei fabbisogni;
  • l’83% degli Enti non prevede attività di valutazione delle performance;
  • il 53% dei Comuni non si avvale di CUC o SUA di riferimento;
  • oltre 1/3 degli Enti lamenta l’assenza di adeguate competenze informatiche.

 

La digitalizzazione della PA costituisce comunque un driver di crescita per il Paese, e deve perciò essere perseguito allo scopo di migliorare e rafforzare la qualità e la trasparenza dei servizi erogati.

L’uso di strumenti adeguati è quindi di fondamentale importanza, sia per agevolare lo sviluppo e l’innovazione, sia per rispettare quanto imposto dal D.Lgs. 50/16, vale a dire semplificare e rendere più sicuri, ma soprattutto più trasparenti, i processi d’acquisto.  

Le Pubbliche Amministrazioni che hanno fatto ricorso a piattaforme di e-Procurement per gestire le proprie attività di approvvigionamento, hanno così riconosciuto i benefici legati all’uso di strumenti digitali.

Tra queste PRO-Q, la piattaforma telematica che consente la gestione ottimale di fornitori e procedure di acquisto, rispettando la normativa vigente.

Vuoi saperne di più? Contattaci all’indirizzo info@pro-q.it o chiama il +39 0412525811.

 

 

La Provincia di Rovigo affida a PRO-Q la gestione dell’e-Procurement

La Provincia di Rovigo ha avviato il processo di digitalizzazione del procurement scegliendo la piattaforma PRO-Q per gestire al meglio tutte la attività legate agli acquisti, in conformità con quanto previsto dal D.Lgs. 50/2016.

Esercitando la sua funzione di Stazione Appaltante per i Comuni del Polesine, a partire da novembre 2018, la Provincia di Rovigo ha deciso infatti di entrare a fare parte del gruppo di PA che hanno scelto PRO-Q per la gestione delle proprie procedure d’acquisto.

Provincia di Rovigo si affida a PRO-Q 

I benefici sono stati subito evidenti, in particolare quelli legati alla produttività, favorita dalla riduzione dei tempi legati allo svolgimento di alcune attività, che fino a prima si erano rivelate essere poco efficienti.

Per maggiori informazioni su PRO-Q scrivici a info@pro-q.it oppure chiama al +390412525811.

 

Città Metropolitana di Venezia: la digitalizzazione del procurement è affidata a PRO-Q

La Città Metropolitana di Venezia ha deciso di affidarsi a PRO-Q per la gestione di procedure di appalto e per la gestione del proprio Albo Fornitori. 

L’introduzione del D.Lgs. 50/16 ha rivoluzionato logiche e dinamiche di acquisto, stabilendo, tra le altre cose, le caratteristiche che le Stazioni Appaltanti e la Centrali Uniche di Committenza devono possedere.

Città Metropolitana Venezia 

In qualità di Stazione Appaltante per i Comuni della Provincia aderenti, la Città Metropolitana di Venezia ha, quindi, l’obbligo di rispettare quanto dettato dal Codice degli Appalti e per gestire al meglio le attività di acquisto centralizzate ha scelto PRO-Q.

L’utilizzo della piattaforma è stata una scelta fondamentale per la PA veneta che, grazie allo snellimento della gestione del e-Procurement, riesce a svolgere le proprie attività nel pieno rispetto della normativa, ma soprattutto in tempi più brevi e a costi più bassi.

Vuoi saperne di più su PRO-Q? Scrivi a info@pro-q.it o chiama il +39 0412525811

 

Pagine