News

Smart public procurement: snellire gli acquisti nella PA

07/10/2014 | Milano

Procedure più snelle e trasparenti, un minore livello di burocratizzazione, una maggiore professionalità, un miglior rapporto qualità-prezzo per gli enti pubblici acquirenti e un accesso più facile per gli operatori economici: questo è il risultato dell'informatizzazione dell'intero processo di approvvigionamento. A giocare un ruolo di primo piano è anche il coordinamento tra enti centrali e Commissione Europea.
(da ic4texecutive.it)

PRO-Q è TED e-Sender

01/08/2014 | Lussemburgo

Con PRO-Q puoi pubblicare direttamente le gare nella Gazzetta Ufficiale Europea grazie all’integrazione con il TED (Tenders Electronic Daily), la versione online del "Supplemento alla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea" per gli appalti pubblici europei. PRO-Q è un TED eSender autorizzato che trasmette direttamente alla gazzetta le informazioni per la pubblicazione della gara, senza nessuna attività aggiuntiva per la Stazione Appaltante e i suoi buyer.

Acquisti ICT nella PA, si diffonde l'e-Procurement

10/07/2014 | Milano

I risultati dell'indagine dell’Osservatorio eGovernment della School of Management del Politecnico di Milano segnalano che in Italia cresce l'adozione delle piattaforme per l'acquisto online di beni e servizi ICT. Ben l’82% degli Enti pubblici ricorrono a questi strumenti e le Pubbliche Amministrazioni che ancora non effettuano acquisti elettronici si stanno preparando per farlo, poiché hanno cominciato a riconoscere i vantaggi: potersi rivolgere a un numero maggiore di fornitori (83%), semplificazione delle procedure d’acquisto, aumento della trasparenza e riduzione dei prezzi dei beni (50%).

Risparmio assicurato con l’asta elettronica

27/03/2014 | Roma

Calcolatrice alla mano, partiamo da un esempio pratico. Ipotizzando di acquistare 6 milioni di litri di gasolio ogni anno, se si utilizzano strumenti di e-procurement come l’asta elettronica, uno sconto di solo 0,01 € per litro porterebbe a un risparmio di 60.000 euro. E questo è il “caso peggiore”, perché il risparmio potrebbe raggiungere anche i 240.000 euro se ci si aggiudica, con una buona asta elettronica, un ribasso di 0,04 € al litro. Da Trasporti Pubblici marzo-aprile 2014

Pagine